side-area-logo

Terapie

Quali sono le terapie reumatologiche?

Scopri le soluzioni che alleviano i sintomi e le cure alle malattie reumatiche.

Ogni malattia reumatica va affrontata singolarmente e con una terapia diversa, tenendo in considerazione anche lo stato di salute generale del paziente.
Prima di parlare delle terapie più efficaci è necessario fare un passo indietro e capire come viene diagnosticata una malattia reumatica.

La diagnosi delle malattie reumatiche

Dopo che il Reumatologo ha ottenuto un quadro generale dei sintomi e visitato il paziente, si indirizza verso le analisi strumentali e di laboratorio per arrivare a una prima diagnosi.

In base alla patologia sospettata il reumatologo potrà dunque richiedere al paziente:

  • Indagini biochimiche ed esami ematochimici: Emocromo, VES, PCR (indici di infiammazione), Creatinina, Glicemia, Uricemia, Transaminasi, Gamma GT, Test della coagulazione e gli autoanticorpi, indispensabili per una diagnosi delle malattie infiammatorie (ovvero fattore reumatoide, anticorpi anti citrullina, ANA, ENA, HLA – B27), Esame del Liquido Sinoviale.
  • Esami strumentali: Radiografia, Ecografia Muscolo Scheletrica, TAC, Risonanza Magnetica, Capillaroscopia, Scintigrafia Ossea.

Una volta fatta la diagnosi il Reumatologo individua la terapia adatta in base alla patologia riscontrata. Le terapie moderne in Reumatologia permettono di ottenere ottimi controlli della malattia, con remissioni anche durature nel tempo.  

I farmaci utilizzati permettono di intervenire sui sintomi, sul dolore e sulla limitazione funzionale. La giusta combinazione dei farmaci antinfiammatori e cortisonici, abbinati con la terapia di fondo (Metotrexate, Leflunomide, Sulfasalazina) permettono un miglioramento della malattia, talvolta fino alla remissione. Se questo non dovesse avvenire, si può aggiungere anche un farmaco biologico.

La maggior parte delle malattie reumatiche si può curare con l’assunzione di farmaci specifici, tra cui:

  • Analgesici: farmaci che agiscono sul dolore
  • Antinfiammatori: intervengono direttamente sull’infiammazione e attenuano il dolore
  • Cortisone: ha una funzione antinfiammatoria nei reumatismi a carattere infiammatorio e soprattutto nelle malattie autoimmuni
  • Immunosoppressori: ovvero i cosiddetti farmaci di fondo che agiscono sul sistema immunitario del paziente modulando la risposta immunitaria (Methotrexate, Leflunomide, Sulfasalazina, Azatioprina, Antimalarici di sintesi )
  • Farmaci biologici o biotecnologici: anticorpi monoclonali in grado di bloccare le citochine prodotte dal sistema immunitario durante il processo infiammatorio

Come supporto in alcuni casi possono essere utilizzate anche le terapie fisiche e riabilitative. Ovviamente la tipologia di farmaco dipende dalla malattia in corso e dalle risposte specifiche alle cure.

La figura del Reumatologo è fondamentale per individuare il percorso migliore da intraprendere.

I farmaci biologici e biotecnologici per la cura delle patologie reumatiche.

I farmaci biologici o biotecnologici hanno completamente rivoluzionato l’approccio a determinate malattie come l’Artrite Reumatoide, l’Artrite Psoriasica, la Spondilite Anchilosante e le Spondiloartriti indifferenziate.
Quando le terapie a base di farmaci tradizionali non hanno un esito positivo è possibile impiegare i farmaci biologici. Si tratta di anticorpi monoclonali prodotti dall’ingegneria molecolare che sono in grado di bloccare elettivamente le citochine pro-infiammatorie prodotte dal sistema immunitario.
L’esperienza ha dimostrato che i farmaci biologici possono migliorare le condizioni del paziente colpito da malattie infiammatorie reumatiche che non si attenuano con l’assunzione di farmaci tradizionali. I protocolli terapeutici prevedono spesso l’associazione di entrambe le tipologie di farmaci (biologici e tradizionali) per potenziare l’effetto della terapia ed evitare un calo di efficacia nel tempo.
L’importanza dei farmaci biologici in Reumatologia ha fatto sì che la SIR (Società Italiana di Reumatologia di cui sono socio e sono stato Delegato Regionale) chiedesse alle istituzioni di creare un fondo nazionale per i farmaci biologici in Reumatologia.

terapie reumatologia
Cortisone terapia
Il cortisone nel trattamento delle malattie infiammatorie reumatologiche.

Il cortisone è un potente antinfiammatorio ed è particolarmente efficace per alleviare i sintomi delle malattie reumatologiche. Può essere assunto per via orale o iniettato direttamente nelle articolazioni infiammate tramite infiltrazione intra-articolare, ma come tutti i farmaci anche il cortisone ha degli effetti negativi.
Tra gli effetti indesiderati abbiamo la perdita di massa ossea (osteoporosi), l’alterazione del metabolismo glucidico (diabete) e la cataratta. Il cortisone va somministrato nelle giuste indicazioni ai dosaggi corretti e per il periodo strettamente necessario.

Le onde d’urto nel trattamento delle malattie reumatiche.

Le onde d’urto sono onde acustiche ad alta energia prodotte da appositi generatori che si propagano nei tessuti in sequenza breve e ripetuta determinando una stimolazione meccanica diretta. Questa stimolazione  innesca reazioni biochimiche, tra cui la produzione di sostanze anti-infiammatorie e fattori di crescita, che stimolano la guarigione della patologia infiammatoria o degenerativa. Le onde d’urto sono ben tollerate e non invasive, dunque rivestono un ruolo importante come alternativa ad un intervento chirurgico, sono efficaci per la cura dei postumi di un trauma o di un intervento, e possono agire in sinergia ad una terapia farmacologica.

Nel trattamento delle malattie reumatiche, la terapia con onde d’urto viene applicata con successo in Artrosi e Pseudo-artrosi, Spasticità, dolore miofasciale e trattamento dei trigger point (punti del tessuto muscolare ipersensibili alle stimolazioni meccaniche).

Possono essere trattate con successo anche  diverse tipologie di Tendinopatie  (tra cui epicondiliti, epitrocleiti e fasciti), Condrocalcinosi e rigidità muscolare a livello di spalla, gomito, anca e ginocchio e disturbi del tessuto connettivo (miositi ossificanti e fibromatosi di muscoli, legamenti e fasce).

Infine anche l’Algodistrofia, patologia non frequente e dalla diagnosi difficile, caratterizzata da dolore ed edema a mani e piedi, può essere trattata efficacemente con le onde d’urto.

Non esiste una terapia universale per le malattie reumatiche, ogni paziente è un caso a sé.

I farmaci e le terapie prescritte dal Reumatologo variano in base al tipo di patologia reumatica e tengono in considerazione anche la storia clinica del paziente, sia quella presente che quella passata.
Per questo motivo la visita dello specialista è fondamentale, così come i successivi controlli che servono a monitorare l’andamento della malattia.

Per approfondire il tema…
Contatti

Per avere il parere di un esperto

Il dott. Francesco Versace riceve negli studi Savona, San Remo, Bordighera, Albenga, Genova. Per prenotare una visita con il dott. Francesco Versace o richiedere altre informazioni contattare info@francescoversace.it.